01-agenzia-per-il-turismo.png
Com'è andato il primo trimestre 2012
There are no translations available.

La Provincia di Firenze con la collaborazione del Centro Studi Turistici ha presentato i dati relativi al primo trimestre 2012, che sono sostanzialmente stabili nel territorio della provincia di Firenze.

 

 

Dopo un 2011 che è stato caratterizzato da una forte crescita sia degli arrivi (+222 mila unità pari al +5,2%) sia delle presenze (+949 mila pernottamenti pari al +8,3%) sul territorio provinciale grazie esclusivamente alla domanda straniera, i primi tre mesi dell’anno evidenziano una sostanziale stabilità dei flussi turistici.

I dati analizzati parlano di una crescita di un +0,3% di pernottamenti (pari a +6 mila presenze) rispetto ai primi 3 mesi del 2011, grazie esclusivamente alle richieste giunte dai vari mercati esteri.

 

tab-dati

In crescita anche il numero degli arrivi di oltre 11 mila unità di turisti giunti sul nostro territorio. I valori positivi si registrano in particolar modo nel mese di marzo dell’anno, con una sostanziale stabilità registrata nel mese di gennaio ed un calo di pernottamenti a febbraio.

Sono i clienti stranieri quelli che hanno registrato una crescita importante in questo periodo; infatti si registra un aumento di circa 4,6 punti percentuali di pernottamenti con ottimi risultati sui mercati dei paesi BRIC. Molto positivi anche i dati relativi al mercato americano e inglese. In lieve crescita i flussi turistici provenienti dal Giappone. In calo i flussi provenienti dalla Francia e dalla Spagna.

Il settore alberghiero registra complessivamente una stabilità (+0,2%), così come il settore extralberghiero che registra una crescita dello +0,6%.

I risultati evidenziano una lieve diminuzione della durata media dei soggiorni che passa da 2,62 giorni del 2011 a 2,56 di quest’anno; in calo il soggiorno medio nel settore alberghiero (da 2,34 a 2,33), così come la permanenza media presso le strutture complementari (da 4,43 a 4,19).

Nelle strutture ricettive del Comune di Firenze si registra complessivamente un lieve calo dei pernottamenti del -0,2%, pari a 3 mila unità in meno. E’ sempre marzo che registra una crescita mentre i mesi di gennaio e febbraio registrano cali intorno al -1% / - 2%. In crescita la clientela straniera in particolar modo turisti dei Paesi BRIC, americani, e giapponesi. Buona crescita per la clientela russa, brasile, cinese e giapponesi, mentre in calo risultano i turisti spagnoli e francesi. Sono le strutture extralberghiere in città quelle che registrano una crescita (pari al +1,4%), mentre gli alberghi registrano una diminuzione del -0,6%.

Sul restante territorio della Provincia si registra una crescita di presenze del +2,1% pari a +9 mila pernottamenti. E’ gennaio che registra la crescita maggiore, ma dopo un febbraio con valori di negatività si registra una ulteriore crescita nel mese di marzo.

I risultati di questi tre mesi si capiscono anche dal fatto che molte imprese hanno mantenuto stabili le tariffe, determinando un fattore di competitività nei prezzi delle strutture ricettive rispetto a quelle di altre destinazioni competitors. Ancora oggi il prezzo si conferma un elemento determinante per le scelte dei turisti in questi periodi di difficoltà economica: continua un forte apprezzamento per le offerte speciali e per quelle formule che prevedono sconti o agevolazioni.

 

 

 
enogastronomia_EN
famiglie-bambini_EN
demidoff-pratolino-ing
turismo_sostenibile-ing
disabili_EN
School Trips