01-agenzia-per-il-turismo.png
I primi tre mesi 2011
There are no translations available.

Il turismo a Firenze e nel territorio conferma il trend positivo dell’anno scorso. L’andamento dei primi tre mesi del 2011 evidenzia una ulteriore crescita dei flussi, dopo un 2010 caratterizzato da una forte crescita sul territorio provinciale sia degli arrivi (+545 mila unità pari al +14,7%) sia delle presenze (+1 milione e 90 mila pernottamenti pari al +10,6%), risultati ottenuti soprattutto grazie alla domanda straniera e in particolare per la città di Firenze.

 

 

Il turismo a Firenze e nel territorio conferma il trend positivo dell’anno scorso. L’andamento dei primi tre mesi del 2011 evidenzia una ulteriore crescita dei flussi, dopo un 2010 caratterizzato da una forte crescita sul territorio provinciale sia degli arrivi (+545 mila unità pari al +14,7%) sia delle presenze (+1 milione e 90 mila pernottamenti pari al +10,6%), risultati ottenuti soprattutto grazie alla domanda straniera e in particolare per la città di Firenze.

 

 

turisti_uffizi I dati analizzati – presentati in conferenza stampa dall’Assessorato al Turismo della Provincia, dal Centro Studi Turistici e da APT - parlano di un' ulteriore crescita di un +5,1% di pernottamenti (pari a +94 mila presenze) rispetto ai primi 3 mesi del 2010, grazie alle richieste giunte dai vari mercati esteri ma anche ad una crescita del mercato nazionale.

Segno positivo anche per il numero degli arrivi: oltre +4 mila unità di turisti giunti sul nostro territorio.

I valori positivi si registrano da gennaio a marzo, con una crescita maggiore registrata nel mese di gennaio. Sono i clienti stranieri quelli che hanno fatto rilevare la crescita maggiore in questo periodo; infatti sale di oltre 8 punti percentuali il numero di pernottamenti di turisti stranieri, con ottimi risultati sui mercati dei paesi BRIC.

Molto positivi anche i dati relativi al mercato francese, americano e inglese. In calo i flussi turistici provenienti da Giappone e Spagna. Continua, nei primi mesi del 2011, il recupero anche del mercato tedesco; così come si registra anche una buona crescita del mercato nazionale.

Il settore alberghiero registra complessivamente una crescita di oltre 6 punti, in particolar modo fra gli hotel a 4 e 5 stelle. Positivi anche i dati dei 2 e 3 stelle, mentre per gli alberghi ad 1 stella e per le RTA si rileva un calo rispetto allo stesso periodo del 2010.

Il settore extralberghiero aumenta i pernottamenti in tutte le tipologie, in particolar modo nelle strutture agrituristiche.

I risultati evidenziano una buona crescita della durata media dei soggiorni che passa da 2,55 giorni del 2010 a 2,69 di quest’anno; in aumento il soggiorno medio nel settore alberghiero (da 2,26 a 2,38), così come la permanenza  media presso le strutture complementari (da 4,59 a 4,68).

Per la clientela italiana si registra una sostanziale stabilità rispetto all’anno precedente, così come si registra un valore positivo nella media dei pernottamenti dei turisti stranieri, che passa da 2,62 a 2,86 giorni. Nelle strutture ricettive della città di Firenze si registra una crescita dei pernottamenti del +5,3%, pari a 76 mila unità in più. E’ sempre gennaio che registra la crescita maggiore, così come la clientela straniera, in particolar modo turisti dei Paesi BRIC, americani, e inglesi.

Buona crescita per la clientela russa, brasile, cinese e argentina, mentre in calo risultano i turisti spagnoli e gli svizzeri. Sia le strutture alberghiere sia quelle extralberghiere in città, registrano una buona crescita, più elevata per gli alberghi di media–alta classificazione.

Sul restante territorio della provincia si registra una crescita di presenze del +4,5%, pari a +17 mila pernottamenti.

E’ gennaio che registra la crescita maggiore, ma dopo un febbraio con valori di stabilità si registra una ulteriore crescita nel mese di marzo.

I risultati positivi di questi tre mesi si capiscono anche dal fatto che molte imprese hanno mantenuto stabili le tariffe, determinando un fattore di competitività nei prezzi delle strutture ricettive rispetto a quelle di altre destinazioni competitors. Il prezzo si conferma ancora oggi come elemento decisivo nelle scelte dei turisti in questi periodi di difficoltà economica: continua un forte apprezzamento per le offerte al inclusive e per quelle formule che prevedono sconti o agevolazioni. Secondo l’indice prezzi di Trivago si registra una lieve crescita delle tariffe alberghiere on line nei mesi di gennaio e di marzo.

Stabili le tariffe medie del mese di febbraio, in calo la tariffa media alberghiera per il mese di aprile.

Nota metodologica: I dati su arrivi e presenze turistiche si riferiscono, per gennaio e febbraio, alla totalità delle strutture ricettive provinciale ma sono da considerare provvisori, in attesa di validazione da parte della Regione Toscana.

Per quanto riguarda il mese di marzo i dati si riferiscono ad un campione di oltre 1.300 strutture che invia i dati in via telematica.

 
enogastronomia_EN
famiglie-bambini_EN
demidoff-pratolino-ing
turismo_sostenibile-ing
disabili_EN
School Trips